SPUPER BONUS 110% – domande e risposte dei nostri esperti

SUPER BONUS 110%
#superbonus
 
Domande e risposte dei nostri esperti UNCU
Avv. Elisabetta Congiusta
 
1) COSA PREVEDE IL D.L N. 34/2020 ( SUPERBONUS 110%)?
L’art. 121 DL n. 34/20, consente di pagare il corrispettivo dell’appalto, per lavori edilizi che danno diritto ai bonus fiscali, mediante sconto in fattura oppure mediante cessione del credito. I contratti di cessione del credito da privati ( persone fisiche e condomini) a banche sono predisposte dalle banche e contengono clausole favorevoli a queste ultime.
 
2)QUALI LE GARANZIE A FAVORE DELLA BANCA, NEL CASO DI DICHIARAZIONI NON CORRISPONDENTI AL VERO?
Possone essere previste in contratto delle penali oppure addirittura può essere previsto l’obbligo per il cedente di restituire il prezzo percepito con la cessione.
 
3)LE BANCHE SONO OBBLIGATE DALLA LEGGE AD ACQUISTARE I CREDITI FISCALI?
No. Se le banche non acquistano i crediti, i committenti possono venire a trovarsi in difficoltà finanziarie. per risolvere il problema, le banche possono fare dei finanziamenti, i quali però possono risultare onerosi.
 
4)SE A LAVORI INIZIATI, LA BANCA RIFIUTA DI ACQUISTARE IL CREDITO, E NE’ IL COMMITTENTE NE’ L’APPALTATORE RIESCONO A PROCURARSI IN ALCUN MODO LA LIQUIDITA’ PER LA CONTINUAZIONE DEI LAVORI, COSA SUCCEDE?
Il contratto di appalto si trova in una situazione di stallo. il committente può recedere, ma rischia di dover pagare delle somme all’appaltatore ai sensi dell’art. 1671 c.c., quali: spese sostenute, lavori eseguiti e mancato guadagno. L’appaltatore, senza liquidità propria e senza liquidità fornita dal committente, potrebbe cercare di porre termine al contratto di appalto. Ma non ci sono tuttavia disposizioni espresse nel codice civile in merito al recesso dell’appaltatore.
 
5)SE L’APPALTATORE NON RIESCE A OTTENERE LA LIQUIDITA’, CHE SUCCEDE ALL’ESECUZIONE DELL’APPALTO?
Qualche volta il rimedio è scritto dentro il contratto. Lo specifico contratto di appalto potrebbe avere condizionato la realizzazione dell’appalto alla doppia cessione del credito: 1)dal committente all’appaltatore; 2) dall’appaltatore alla banca. Se il contratto contiene una condizione, il problema è risolto. il contratto di appalto potrebbe aver previsto una condizione sospensiva oppure risolutiva del credito dal costruttore alla banca. in questo caso se la cessione non può avvenire, il contratto è risolto, con la conseguenza che l’appaltatore non è più tenuto all’esecuzione dei lavori.
 
6)PUO’ L’APPALTATORE RECEDERE LIBERAMENTE DAL CONTRATTO DI APPALTO, ADDUCENDO – AD ESEMPIO – IL RIFIUTO DELLA BANCA DI ACQUISTARE IL CREDITO?
La risposta a questa domanda è negativa. Senza il consenso del committente, l’appaltatore non può recedere dal contratto.
 
7) PER QUALE RAGIONE LE BANCHE NEGLI ULTIMI MESI HANNO RIDOTTO L’ACQUISTO DEI CREDITI FISCALI?
Le motivazioni sono due: in primo luogo hanno terminato il plafond fiscale; in secondo luogo temono che l’Agenzia delle Entrate possa considerare non detraibile il credito acquistato. Con particolare riferimento alla possibile corresponsabilità dell’acquirente del credito, si è pronunciata l’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 23/E/2022, elencando i casi in cui la banca acquirente del credito può essere ritenuta corresponsabile con il committente venditore del credito.
 
8)CHE COSE’ LA FIGURA DEL GENERAL CONTRACTOR?
Il general contractor nient’altro è che un appaltatore che assume nei confronti del committente non solo l’obbligo di realizzare l’opera, ma anche l’obbligo di coordinare le varie figure professionali che intervengono nel corso dei lavori. Talvolta l’appaltatore si obbliga a selezionare i professionisti coinvolti e a concludere con essi i necessari contratti. addirittura in alcuni casi è il general contractor a pagare i professionisti ( salvo rivalersi sul committente). Il rapporto contrattuale potrebbe essere qualificato come contratto di mandato.
 
9)LA RESPONSABILITA’ DEL GENERAL CONTRACTOR?
nel contratto concluso tra le parti con cui il committente si affida al general contractor, vi solo elementi sia del contratto di appalto che di mandato, bisogna vedere di volta in volta se prevalgono gli elementi del mandato e dell’appalto, al fine di individuare la sua responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *