Troppi debiti, ora anche i cittadini possono “fallire” (e pagare solo parte dei debiti)

debiti

Debiti, debiti, debiti…

Per qualcuno il peso diventa insostenibile, ed i pagamenti non possono di conseguenza seguire…

Ma da oggi ATTENZIONE: anche i cittadini possono “fallire”, sia consumatori che piccoli imprenditori. In effetti tale “fallimento” (in senso atecnico) prevede la possibilità di elaborare un piano per negoziare i propri debiti e quindi le proprie posizioni negative.

Già esistono precedenti interessanti: il tribunale di Busto Arsizio ha “condonato” una parte dei debiti che una signora aveva con Equitalia, riducendo l’esposizione da 86 mila a 11 mula euro.

La Legge 3/2012 ed i successivi (recenti) decreti attuativi circa il c.d.  “fallimento del consumatore” prevedono che con l’aiuto di un “tutor” professionale (commercialisti, avvocati e notai) si possa usufruire di questa possibilità per  “concordare” il debito con i creditori e riequilibrare una situazione di difficoltà, presentando una apposita proposta contenetnte percentuali e tempi di pagamento (c.d. “piano del consumatore”).

Competente è il tribunale del luogo m cui il debitore ha la residenza o la sede legale.

Il  tribunale, una volta accolta la proposta, la rende vincolante per tutti i creditori, anche se non si prevede il pagamento integrale di tutti i debiti.

Possono attivare la procedura i debitori non soggetti al fallimento: piccoli imprenditori, professionisti, privati in genere.

Questa normativa  permette dunque al cittadino di  ristrutturare la propria posizione debitoria  in proporzione alle proprie capacità finanziarie.

L’Unione Nazionale Consumatori Umbria ha attivato un apposito sportello di informazione.

 

* Articolo pubblicato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Umbria denominato: informazione ed assistenza ai consumatori ed agli utenti 2013 – 3° intervento con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *