TELEVENDITE: ECCO COME FARE ACQUISTI SICURI

man-156712_640

Sono sempre più numerosi i consumatori che ci chiedono se fare acquisti sul piccolo schermo è sicuro. Per evitare di essere truffati, è bene seguire qualche utile consiglio:

  • diffidare di prezzi “stracciati”: un gioiello o un’opera d’arte autentica non possono costare poche centinaia di euro e il rischio è quello di incorrere in un falso. E’ bene quindi informarsi in anticipo sul valore di mercato del prodotto e non fidarsi se la cifra proposta è inferiore del 40% o più.
  • Verificare che il costo della spedizione sia indicato in modo chiaro: un generico “più spese di consegna” può riservare brutte sorprese sul costo finale che si andrà a pagare. Se poi la somma esatta non è scritta in sovraimpressione, è bene richiederla al centralino.
  • Le condizioni di vendita devono essere ben chiare e visibili. Meglio stare alla larga, dunque, da scritte che scorrono sullo schermo in modo troppo rapido o con caratteri microscopici.
  • Il venditore deve essere rintracciabile. Per questo, è preferibile scegliere canali per lo shopping che occupano sempre le stesse frequenze tv e, prima di acquistare, verificare che esista un sito internet con tutti i riferimenti utili per individuare il proprio interlocutore.
  • Esiste un sigillo di qualità dell’Era (Electronic retailing association), l’Organo di tutela del consumatore per le vendite a distanza. E’ quindi bene cercarlo sul sito che si sta visualizzando, così da essere certi che i tempi di consegna saranno rispettati e che i prezzi sono realmente “tutto compreso”.

E se una volta che ci è arrivato l’oggetto a casa vogliamo cambiarlo?

Il cliente può sempre cambiare idea, anche se il prodotto risponde alla descrizione e non è danneggiato. Con una novità: oggi il termine per esercitare il diritto di recesso è di 10 giorni dalla consegna, ma dal prossimo 13 giugno si allungherà a 14 giorni.

Se invece si ricevesse il pacco sciupato si può scrivere sul documento di consegna: “Accetto con riserva di verifica dell’integrità del contenuto”.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *