Questione di Privacy… dal futo d’identità al cyberbullismo e stalking

Logo Privacy

Promuovere un uso sicuro e responsabile di internet e dei nuovi media da parte dei più giovani e renderli consapevoli sui reati informatici, in particolare sul furto di identità: sono questi gli obiettivi del progetto “Questione di privacy”, finanziato con i fondi della Regione Lazio – Programma 2014 Utenti e Consumatori – e realizzato dall’Unione Nazionale Consumatori ed altri partner di progetto.

I nativi digitali appartenenti alla generazione 2.0 sono, infatti, le principali vittime del furto di identità sul web e sui social network:  secondo una ricerca di Unicri e Cpp Italia la sicurezza dei dati sensibili è a rischio non solo per  chi va sul web regolarmente (circa 55%) ma anche per chi non ci va mai (34%); l’82,5% degli intervistati rilascia abitualmente il nome e cognome; il 59% la data di nascita, il 48% l’indirizzo e il 33% il numero di cellulare ma anche carta di credito o il suo pin.

Dal furto del profilo di Facebook all’intercettazione delle coordinate bancarie, il progetto mira a sensibilizzare i ragazzi dagli undici anni in poi sui reati informatici, con una particolare attenzione ai fenomeni sempre più diffusi di stalking e cyberbullismo.

I materiali informativi saranno diffusi attraverso la pagina Facebook dell’iniziativa (https://www.facebook.com/questionediprivacy) in modo da raggiungere più facilmente i giovanissimi e facilitare l’interazione.

Inoltre sono state realizzate due cartoline con utili decaloghi sul tema: DecalogoPrivacy_SocialNetwork_WEB e DecalogoPrivacy_Internet_WEB .

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *