Leggere la bolletta dell’acqua

vacanze rovinate

Cosa c’è scritto in una bolletta? Clicca qui!

E come si legge una bolletta di un condominio?

Brochure del progetto leggere la bolletta!

Poster del progetto leggere la bolletta!

 

Qual è la maniera più efficace (e divertente) per insegnare ai più piccoli l’importanza del risparmio energetico e mettere in campo le “buone pratiche” necessarie?  Gli esperti dell’Osservatorio sul vivere sostenibile promosso da Mce Lab hanno diffuso un agile vademecum, rivolto ai genitori, che dà preziose indicazioni.

Il risparmio spiegato ai bambini  Risparmio energetico home

  • Quando i bambini si lavano i denti tappare il lavandino farà notare ai più piccoli quanta acqua stanno sprecando lasciando il rubinetto aperto.
  • Coinvolgere i più piccoli nella gestione ottimale degli impianti di riscaldamento: chiedere ai bambini di controllare quando i termosifoni sono accesi e di andare a chiudere le finestre per non dissipare il calore.
  • Insegnare ai bambini che bisogna sempre spegnere le luci prima di uscire da una stanza.
  • Spiegare a bambini e adolescenti che le console di gioco vanno sempre spente quando si smette di giocare perché gli apparecchi in standby consumano energia.
  • Promuovere uno stile di vita sano incoraggiando i bambini a stare all’aria aperta e a muoversi di più. L’energia dei più piccoli è l’unica a cui non bisogna porre freni.

I consigli per i genitori    maialino pieno di banconote

I genitori, a loro volta, possono dare il buon esempio ai figli mettendo in atto alcuni accorgimenti per ridurre gli sprechi di energia in casa:

  • Lasciare i termosifoni sgombri da mobili, tende e coperture per non ostacolare la circolazione del calore.
  • Spegnere gli impianti di riscaldamento quando in casa non c’è nessuno e almeno un’ora prima di andare a letto. Il calore continuerà a propagarsi anche se l’impianto è spento.
  • Installare le valvole termostatiche su tutti i radiatori per regolare la temperatura e tagliare i costi della bolletta fino al 15%.
  • Installare caldaie a condensazione e preferire il riscaldamento a pavimento o i termoconvettori, impianti capaci di funzionare a basse temperature.

 

* Articolo pubblicato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Umbria denominato: informazione ed assistenza ai consumatori ed agli utenti 2013 – 3° intervento con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *