Fatture pazze, come leggerle? Enel, Eni, Edison, ecc.

reclami-2

Bolletta Enel, Eni, Edison, etc…. per difendersi da fatture pazze, solleciti di pagamento per importi non dovuti, sospensione della fornitura elettrica o del gas!

Prima di spiegarvi come è scritta la bolletta, peró,  ecco il link per i reclami diretti contro gli operatori dell’energia, potete attivarvi comodamente dall’Umbria, eprocederemo noi con l’UNC nazionale a tutelarvi!

Ed ora cominciamo a fare chiarezza, iniziando a definire come deve essere la bolletta secondo la delibera dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas 201/09, in vigore dal 1° gennaio 2011:

  • nella prima pagina si trova il quadro di sintesi con le informazioni essenziali (nome e indirizzo del cliente, consumi, tipo di fornitura, importo da pagare, ecc);
  • di seguito si trova il quadro di dettaglio, contenente la spiegazione delle singole voci che compongono l’importo totale della bolletta;
  • alla fine ci sono le ulteriori informazioni, in cui vengono riportate le notizie che possono essere utili al cliente.

Nel quadro di sintesi, la prima informazione utile che i consumatori possono trovare è se la bolletta si riferisce ad un contratto sul Mercato Libero o al Servizio di Maggior Tutela (per l’elettricità) o al Servizio di Tutela (per il gas).

Subito dopo, normalmente, la bolletta riporta: il nome e l’indirizzo del cliente, l’indirizzo del punto di consegna, il codice POD per l’elettricità e PDR per il gas, le caratteristiche tecniche della fornitura e la tipologia del contratto sottoscritto.

Inoltre si trovano le informazioni più importanti per il cliente, cioè:

  • l’importo da pagare e la scadenza;
  • i consumi espressi in kwh per l’elettricità e in metri cubi standard (Smc) per il gas, fatturati nel periodo di riferimento. Si indica poi se i numeri del contatore sono stati letti dal distributore (lettura rilevata), comunicati dal cliente (autolettura) o stimati sulla base dei consumi abituali del cliente;
  • se la bolletta è di acconto o di conguaglio e il periodo di riferimento.
  • se la posizione del consumatore è in regola;
  • nelle bollette elettriche sono evidenziati anche i consumi per fascia: F1 a maggior costo, F2-F3 a minor costo.

Nel quadro di dettaglio sono evidenziate le voci che determinano il totale dell’importo da pagare e cioè:

  • il costo dell’energia, stabilito ogni trimestre dall’Autorità per i clienti del Mercato Tutelato o stabilito nel contratto sottoscritto sul Mercato libero. Il costo è a sua volta suddiviso in:
    • quota fissa da pagare indipendentemente dai consumi;
    • quota energia da pagare in relazione ai consumi.
  • Il costo delle reti di trasporto e distribuzione, suddiviso in:
    • quota fissa da pagare indipendentemente dai consumi;
    • quota potenza (solo per l’energia elettrica) riferita alla potenza del contatore;
    • quota energia da pagare in relazione ai consumi.
  • Le imposte e le accise.
  • L’IVA.

Ma questo ABC bolletta Acea, Enel, Eni, Edison, etc. purtroppo non protegge del tutto i consumatori: riceviamo infatti numerose segnalazioni su conguaglio in bolletta di importi elevati e anomali, doppia fatturazione in caso di cambio di fornitore, sospensione della fornitura per morosità, rateizzazione delle bollette con importi elevati e molto altro.

I reclami riguardano generalmente Acea, Enel, Eni, Edison… Cosa fare in questi casi?

  • Presentare un reclamo scritto alla società di vendita con i dati anagrafici e una breve descrizione del problema. E’ utile scrivere per conoscenza all’Unione Nazionale Consumatori Umbria (Via XX Settembre 27, 06121 Perugia) perchè se la società non risponde entro 40 giorni solari, il cliente ha diritto ad un indennizzo di 20 euro;
  • se il reclamo non ha ottenuto riscontro si procede con la concilizione paritetica, da avviare con il nostro aiuto (a questo link, clicca sul nome dell’azienda);
  • se il consumatore non intende utilizzare la conciliazione paritetica, può presentare il reclamo all’Autorità per l’Energia attraverso lo Sportello del Consumatore: per farlo, però, deve aver presentato un reclamo scritto alla società e aver ricevuto una risposta.

 

 

 

* Articolo pubblicato nell’ambito del Programma generale di intervento della Regione Umbria denominato: informazione ed assistenza ai consumatori ed agli utenti 2013 – 3° intervento con l’utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *