Ecco la soluzione per i reclami

1091165_520841751318158_917639128_o

Tra le difficoltà del momento (in due parole: meno soldi e meno tempo per farsi valere) si corre il rischio di non trovare la soluzione per i nostri problemi quotidiani. Dapprima ci si arrabbia, si impreca di qua e di là, si tenta con il call center o con l’assistenza clienti, si chiama quel numero verde (magari scoprendo che non è proprio tutto gratis…), si fa la fila allo sportello. Solo pochi fortunati, però, poi trovano la risposta, risolvono il contrattempo, possono rasserenarsi.

Insomma, nel nostro Paese, tra eccessi di burocrazia, informazioni sbagliate e veri e propri raggiri, una delle cose più complicate è proprio trovare la soluzione.

Ebbene l’Unione Nazionale Consumatori ha deciso di accettare la sfida: del resto, proprio il trovare soluzioni per i problemi delle persone dovrebbe essere la principale funzione di un’associazione dei consumatori (poi c’è sempre chi fa solo demagogia, ma insomma, anche nelle migliori famiglie esistono i perditempo…)

Grazie all’intelligente restyling della pagina dedicata ai reclami sul sito dell’associazione (www.consumatoriumbria.it) si cerca di rendere il rapporto con i consumatori più semplice e veloce: per questo, nella home page si incontra una domanda diretta: ‘Problemi?‘. Gli utenti, cliccando su quest’area possono scegliere la modalità che preferiscono per denunciare i disservizi e chiedere aiuto.

Questo meccanismo diventa però straordinariamente innovativo al suo interno: non più solo il classico modulo per mandare una email, ma dei canali diretti per ogni singola azienda, quelle del mass-market, quelle con cui ciascuno di noi può avere un problema da risolvere (da Tim a Vodafone, passando per Wind e h3g; da Enel ad Eni a Edison, A2A e Acea; da Alitalia a Poste e poi Unicredit, Intesa Sanpaolo e molte altre).

Ma non è tutto: la pagina delle soluzioni si arricchisce di sportelli tematici per risparmio & finanza, salute & benessere, diritti del malato, così come per la consulenza di diritti & mediazione. Per i reclami generici, infine, è possibile utilizzare il modulo generico, cliccando sul box “Segnalaci il tuo problema”. Ed ancora i consumatori possono trovare anche i moduli per avviare un reclamo e richiedere un rimborso da sé e una raccolta delle domande (FAQ) che più frequentemente giungono ai nostri sportelli, con le risposte utili per imparare dalle esperienze altrui.

Insomma, per fare autodifesa nel mondo dei consumi, in qualche caso può bastare un clic!

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *