CARBURANTE: IL VADEMECUM DEL RISPARMIO

A fuel pump nozzle with a drop of petrol. Very high resolution 3D render.

Benzina e gasolio sfiorano (e in alcuni casi superano) i due euro al litro e, nonostante sconti e promozioni degli ultimi mesi, non è facile risparmiare sul carburante. Ma d’altronde non si può vivere senza auto e allora bisogna ingegnarsi per fare almeno la stessa strada con meno carburante. Ecco dunque pochi accorgimenti utili a contrastare il caro carburante:

1)   GOMME SEMPRE GONFIE: viaggiare con le gomme sgonfie può comportare aumenti di consumo anche del 10 per cento perché la vettura fa più fatica ad avanzare; la pressione (quella ottimale è indicata sul libretto dell’auto), dunque, andrebbe controllata almeno una volta al mese. Per un vantaggio extra andrebbe aumentata di un paio di decimi di bar.

2)    CLIMATIZZATORE E FINESTRINI: e’ vero che il climatizzatore consuma parecchio e andrebbe usato con cautela, ma anche tenere i finestrini aperti compromette l’aerodinamica della vettura; meglio, dunque, viaggiare con i finestrini chiusi e affidarsi al ricircolo ed al climatizzatore.

3)    SVUOTARE IL BAGAGLIAIO: il peso superfluo aumenta i consumi, oltre a peggiorare la stabilità dell’auto e gli spazi di frenata; per questo oltre a svuotare il bagagliaio si dovrebbero smontare il portapacchi.

4)    PARTENZE: è inutile d’inverno aspettare affinché la vettura si scaldi; meglio partire dopo qualche secondo, con la dovuta tranquillità per consumare meno.

5)    ACCELERARE GRADUALMENTE E NON TIRARE LE MARCE: ogni auto ha il suo regime ottimale per cambiare che coincide con quello di “coppia massima”, riportato dal libretto di uso e manutenzione (più alto nei motori a benzina, molto più basso nei motori diesel). A questo serve il contagiri: mantenere il regime di coppia massima in ogni circostanza; con il cambio automatico è consigliabile scegliere l’opzione “economy”, poi basta accelerare dolcemente.

6)   DISCESA A FOLLE: è un mito da sfatare perché anche in folle c’è un afflusso di carburante.

7)    FRENATE E RIPARTENZE: cercare di far scorrere la vettura il più possibile evitando continue frenate e ripartenze.

8)   “FARLA SCORRERE IN CURVA”: l’automobile in curva consuma di più perché c’è più resistenza da parte dei pneumatici; per questo motivo, quando è possibile, sarebbe meglio fare traiettorie “rotonde”.

9)   USARE IL “CUT OFF”: quando si rallenta è meglio innestare la marcia più alta e rilasciare la frizione: la centralina del motore interromperà il flusso di benzina (si chiama appunto cut off).

10)  REGOLATORE DI VELOCITA’: se la vettura è dotata di cruise control, la sua missione è di mantenere la velocità impostata su tutte le pendenze evita sprechi, ma attenti a usarlo solo nelle condizioni corrette: strada aperta, pro traffico.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *